Una storia bellissima, prenditi un momento per leggerla

In una fredda mattina di gennaio un uomo mise a sedere in una stazione della metropolitana di Washington DC ed iniziò a suonare il violino.

Suonò ben sei pezzi di Bach per circa 45 minuti; poichè era l’ora di punta, migliaia di persone passarono per la stazione, la maggior parte delle quali stavano andando a lavoro.

Un uomo di mezza età notò il un musicista che suonava, rallentò il passo e si fermò per alcuni secondi. Poi si affrettò, continuò a fare ciò che stava facendo, camminando a passo svelto.

Un minuto dopo il violinista ricevette il primo dollaro di mancia: una donna mise il denaro nella cassettina e senza neanche fermarsi continuò a camminare.
Poco dopo qualcuno si appoggiò al muro per ascoltarlo ma, dopo aver guardato l’orologio, l’uomo ricominciò a camminare in tutta fetta. Chiaramente era in ritardo per il lavoro.

Ma ci fu qualcuno che prestò maggior attenzione: fu un bambino di 3 anni. Sua madre cerco di portarlo via a lungo, si affrettò spingendolo ma il bambino voleva continuare a guardare il violinista.

Infine, spinto un po’ più forte dalla madre, il bambino continuò a camminare, voltandosi indietro finchè potè vedere il violinista.
Molti altri bambini fecero esattamente la stessa cosa e la stessa cosa fecero anche i loro genitori, forzandoli a proseguire.

Il musicista suonò per 45 minuti, solo 6 persone si fermarono e rimasero per un po’; circa 20  gli diedero dei soldi ma continuarono a camminare normalmente.
Alla fine il violinista mise insieme 32 dollari.
Quando finì di suonare e tornò il silenzio nessuno ci fece caso.
Nessun applauso, nessun riconoscimento.

Eppure c’era qualcosa che nessuno sapeva… Il violinista era Joshua Bell, uno dei musicisti più talentuosi al MONDO!
Aveva appena suonato uno dei pezzi PIU’ COMPLESSI mai scritti su un violino del valore di 3.5 milioni di dollari!

Due giorni prima che suonasse nella metro, Joshua Bell aveva fatto il tutto esaurito al teatro di Boston, dove il biglietto costa in media 100 dollari.

Il “concerto” in incognito di Joshua Bell nella stazione della metro era stato organizzato dal quotidiano Washington Post come parte di un esperimento sociale sulla percezione, il gusto e le priorità delle persone.

Le domande che lo studio si poneva erano: in un ambiente comune ad un’ora inappropriata percepiamo la bellezza? Ci fermiamo ad apprezzarla? Riconosciamo il talento in un contesto inaspettato?
Nasce spontanea una riflessione:
Se non abbiamo un momento per fermarci ed ascoltare uno dei migliori musicisti al mondo suonare la miglior musica mai scritta, quante altre cose ci staremo perdendo?

Fonte: Washington Post:
http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2007/04/04/AR2007040401721.html

Dott.ssa Daniela Mascaro
Seguila su

Commenti

Pubblicato da

Daniela è una Psicologa Clinica e Life Coach online che si interessa anche di Benessere fisico e mentale, Meditazione e Sviluppo Personale. La sua mission è aiutare le persone a vivere una vita felice e sana a 360°.